Calendario 2016-17

25 novembre 2016 Commenti disabilitati
Annunci
Categorie:Uncategorized

Stagione 2012 – 2013

17 luglio 2012 Commenti disabilitati

Nella stagione 2012 – 2013 la squadra parteciperà alla serie A del campionato provinciale Misto CSI Como.
Gli allenamenti inizieranno a metà settembre, mentre la stagione agonistica prenderà l’avvio a ottobre.

La squadra mista ASD Pallavolo Saronno B fa parte della società pallavolistica di Saronno. Per informazioni riguardanti il settore misto: alesciack@tiscali.it

Categorie:Generale

Stagione 2011-2012

31 agosto 2011 Lascia un commento

Anche quest’anno la Pallavolo Saronno B parteciperà al campionato misto CSI-Como. L’inizio degli allenamenti è previsto per metà settembre, mentre il campionato avrà inizio probabilmente a metà ottobre.

Per informazioni -> alesciack@tiscali.it

Categorie:Archivio

L’alba di una “nuova era” (si spera)

7 febbraio 2011 Lascia un commento

Dopo 3 giornate “buie”, dove i ragazzi del Saronno “B” cominciavano a perdere le speranze, ieri rivedono un po’ di luce alla fine del tunnel.

Il mister, Pedro, decide x una soluzione drastica, una vera e propria rivoluzione tecnica e tattica, che, pur essendo stata accolta con riserva da tutti, ha fatto registrate un notevole cambiamento.

Numerosi i “sacrifici” chiesti per attuare queste modifiche, primo fra tutti, la “panchina-obbligata”, per questo primo esperimento, per validi giocatori che hanno dimostrato, anche nei periodi meno fortunati, una costante crescita tecnico-tattica; ma sappiamo, e speriamo, che questa condizione sia solo passeggera e necessaria SOLO per poter provare l’effettiva efficacia della nuova formazione.

Finisce quindi con una sconfitta PRODUTTIVA (1-3)  la seconda giornata di ritorno contro GSO Eupilio, una squadra che, se non LA più forte è sicuramente quella PIU’ COMPLETA tra le squadre fin’ora incontrate, squadra, tra l’altro, che ha militato per 3 anni nella serie di testa “A” e che, l’anno scorso, è stata retrocessa.

L’asd pallavolo saronno “B” festeggia inoltre una new entry, il centrale “MAX” che ancora deve aspettare per il suo reale debutto in campo ma che, da pronostici, fa ben sperare!

Insomma se non proprio una “nuova era” speriamo sia x lo meno una “nuova alba”!!

FORZA RAGAZZI!

Categorie:Archivio

L’alimentazione nello sport – pallavolo, alcuni consigli utili

27 gennaio 2011 Lascia un commento

Alimentazione
Guida pratica

 

Stile di vita

Una sana alimentazione è una regola di vita che acquista ancor maggior valore nello sportivo (pallavolista nel nostro caso), di qualsiasi livello. Tutto quello che ingeriamo, liquido o solido, ha sempre e comunque degli effetti sul nostro organismo. Tutto si può riassumere in tre semplici parole: cosa, quanto e quando. “Cosa” ingeriamo, cioè il tipo di alimento che assumiamo; “quanto” ne mangiamo o beviamo; ed infine (ma non meno importante) “quando” ci riforniamo, che per lo sportivo è fondamentale (dato che con l’attività si migliora).

Ad ognuno la sua dieta

Una buona dieta è sempre diversa per ogni individuo. Essa deve considerare alcuni parametri principali:

1) peso corporeo

2) metabolismo

3) tipo di attività

4) sport praticato

Per ogni sport praticato esistono vari livelli di energia, resistenza e qualità fisiche richieste. Quindi le persone che fanno sport hanno esigenze diverse a seconda dello sport praticato (un pallavolista ha richieste energetiche molto diverse da un maratoneta per esempio). Perciò l’alimentazione di uno sportivo deve essere rivolta al suo sport specifico, ma anche individualizzata alla persona, a seconda della propria età e costituzione.

Cosa fare allora?

Semplice, seguire alcune regole di condotta generale e principi di base che verranno poi applicati al singolo. E solo la scienza dell’alimentazione è in grado di darli. Al bando tutte le dicerie, i proverbi e consigli che provengono da fonti non qualificate. Quello che conta veramente, per migliorare le proprie qualità fisiche, è attenersi a semplici regole di vita quotidiana. La soggettività è fondamentale nella dieta e solo rispettando determinati concetti si otterranno migliori prestazioni, del proprio corpo e della propria mente.

Il peso giusto

Non lasciatevi prendere dall’ansia del peso giusto, le varie tabelle di solito sono solo indicative. Esse non tengono conto del fatto che una persona possa essere sportiva o no, e nemmeno che a seconda dello sport praticato avrà un rapporto diverso fra massa muscolare e scheletro. Il pallavolista impara ben presto a conoscere il proprio corpo e le sue esigenze.

Se devo dimagrire?

Una volta stabilito il peso ideale potrebbe essere necessario dimagrire. Attenzione però, la dieta che vi prefiggerete deve tenere conto di alcuni fattori: che sia reale e fattibile (altrimenti potreste scoraggiarvi e abbandonarla), che le perdite di peso molto rapide non solo sono dannose, ma non durano mai molto e provocano danni estetici. Cambiate abitudini senza stravolgere la vita, con graduale attenzione, correttezza e costanza. Il problema principale è diminuire il grasso in favore dei muscoli. Diete drastiche e non basate su basi scientifiche rischiano di compromettere la vita dello sportivo, a danno magari dei muscoli e dell’organismo intero.

Mangiare bene conviene

Ci sono sportivi che si alimentano in modo disastroso ma conservano un peso nella norma. Per loro il problema è aumentare l’efficienza organica e muscolare. Con una dieta ottimale le loro prestazioni aumenterebbero (e di molto). Vale lo stesso discorso per gli individui sotto peso, a cui non basterebbe solo “mangiare di più”.

Perché essere “fit”?

Prendiamo due auto: la prima di piccola cilindrata, la seconda un bolide da 300 all’ora. Inseriamo in tutte e due del carburante ottimale: vedremo che le prestazioni di entrambe saranno al massimo delle loro possibilità. Poi inseriamo del carburante sbagliato: le due auto camminano ancora, ma non certamente nella maniera migliore! Così è il nostro corpo.

La parola inglese fit (letteralmente adatto) è la protagonista di tutti i discorsi che si riferiscono al benessere. E non a torto. Il nostro corpo ha bisogno del carburante giusto per rendere al meglio ed essere “fit”, cioè adatto alle prestazione che si vuole ottenere. Un pallavolista deve curare il proprio “carburante” come cura la propria tecnica.

 

PALLAVOLO

prima, durante e dopo lo sport

 

L’ALLENAMENTO

Forse l’allenamento è il periodo meno glorioso e più faticoso, ma è sicuramente anche quello più importante in quanto è qui che si costruisce lo sportivo, il suo fisico, la sua prestazione.

Per molti il periodo di allenamento è addirittura il più gratificante: senza lo stress della competizione, dello spostamento in luoghi estranei, a tu per tu con il corpo e con un ambiente familiare, con un’unica sfida: quella di migliorare.

L’alimentazione base dipende dal livello dell’allenamento. Per la quantità ci si deve basare su prove ed esperienze personali poiché un calcolo preciso del consumo è troppo individuale.

Ecco un breve riassunto degli elementi che dovrebbero comunque rientrare nel menu quotidiano:

– liquidi a sufficienza;  – abbondanza di frutta fresca, insalate e verdure;  – carboidrati (i cereali meglio se integrali) in quantità sufficiente, secondo l’impegno fisico;  – proteine di origine animale e/o vegetale nella in misura moderata; alla carne è preferibile il pesce;  – grassi ridotti all’indispensabile; l’olio meglio se extravergine ed usato crudo;  – ridurre o eliminare alcol, zucchero bianco e caffè.

– L’orario: L’orario dei pasti è importante quanto l’allenamento stesso. Un impegno fisico di una certa entità non andrebbe mai affrontato a stomaco pieno, ma nemmeno a stomaco vuoto. Dopo un pasto principale devono trascorrere almeno due ore prima dell’attività sportiva. Una buona regola è quella di distribuire il cibo in più pasti durante il giorno, per evitare un sovraccarico ed avere sempre scorte di energia fresca.

E se l’impegno fisico è nel primo pomeriggio o subito dopo cena? Allora conviene fare un piccolo spostamento nelle proprie abitudini: uno spuntino leggero ma energetico prima e un altro pasto dopo, che però non sarà più il principale.

 

PRIMA DELLA PARTITA

Importantissime tre cose: lasciare il giusto lasso di tempo fra pasto e inizio della partita, la quantità e il tipo di cibo assunto.

In generale vale la regola che la digestione non deve essere impegnativa per lasciare il massimo delle energie disponibili. Quindi niente cibi complessi e poche proteine prima del minuto zero.

Non digiunare. Se il digiuno a volte può essere salutare è invece deleterio prima di uno sforzo. Quindi è bene non fare trascorrere più di quattro ore tra l’ultimo pasto e l’inizio della gara.

– L’ultimo pasto: Se si riesce a tenerlo leggero, quindi di rapida digestione anche se energetico, l’ultimo pasto può essere consumato un’ora e mezza, due ore prima della gara. Dopo, al massimo mezz’ora prima, è consentito solamente un frutto o uno yogurt scremato, o una fetta integrale di pane semplice, giusto per calmare lo stomaco se siete nervosi o ansiosi.

Quello che mangerete (circa tre ore prima della partita) dipenderà dall’orario e dalle vostre abitudini alimentari.

Se la partita è nel pomeriggio non vi sono dubbi: l’ideale è un pranzo ricco di carboidrati, accompagnato da cibi ricchi di vitamine, sali minerali ed enzimi. Un esempio:

un abbondante piatto di verdure crude fresche condite con olio e poco limone;

un abbondante piatto di pasta (o di riso) condito semplicemente con pomodoro o verdure cotte.

un frutto a scelta

Se l’incontro è alla sera consumate a metà pomeriggio un frutto o un dolce (di fattura semplice, es. crostata di frutta), più uno yogurt sempre scremato. L’ideale è anche invertire l’orario del pranzo con quello dello spuntino.

Se la gara è la mattina potreste provare ancora con un piatto di pasta (se a quell’ora vi attira), altrimenti può andare bene anche del pane tostato con miele o marmellata, preceduto da frutta fresca o succo di frutta. L’ideale sarebbe il muesli di fiocchi di cereali: leggero, energetico e consono agli orari di primo mattino.

 

GIORNATA DI GARA? LE REGOLE

– Prima di cominciare l’attività, lo stomaco deve essere quasi libero.

– L’ultimo pasto principale deve risalire ad almeno due ore e mezzo prima.

– L’ultimo pasto sarà povero o privo di elementi di lunga o difficile digestione come grassi o proteine animali.

– Mangiate con calma e masticate bene. Evitate cibi troppo caldi o freddi. Rilassatevi un poco dopo il pasto.

– Un pasto regolare può essere sostituito da diversi spuntini: biscotti integrali, fette biscottate, frutta secca, muesli ecc.

– Il penultimo pasto è anch’esso importante. Se è la sera prima non fate mai mancare un buon apporto di carboidrati (pasta-riso) e fibre (verdure crude). Se è la mattina deve essere un’abbondante colazione.

 

LA PARTITA

Se state seguendo un giusto regime alimentare e avete mangiato bene, rispettando anche i tempi, non ci saranno problemi durante la partita. L’unico componente di cui avrete bisogno è l’acqua, bevuta a piccoli sorsi e non gasata, di cui rimandiamo l’attenzione in un paragrafo a parte.  In sforzi particolarmente prolungati è buona regola disporre di integratori di sali minerali e vitamine, comunque non indispensabili ad un pallavolista che segue una dieta corretta.

 

GLI ALIMENTI PRIMA DELLA PARTITA

Questi gli alimenti consigliati e quelli sconsigliati per il pasto che precede direttamente la prestazione sportiva

SI

Pane integrale leggero

Fette biscottate

Toast e biscotti integrali

Pasta, riso e loro derivati (meglio se integrali)

Patate lesse, al cartoccio, purè

Frutta fresca, matura, di stagione, cruda e a volontà

Frutta secca, miele, noci

Insalate e verdure crude con poco condimento

Verdure cotte

Uova solo alla coque

In piccola quantità: latticini, yogurt, pesce

Condimenti: olio di oliva extravergine, limone, aceto

NO

Pane molto fresco, millefoglie, creme, cioccolata, panna

Qualsiasi tipo di alimento fritto in olio

Ogni tipo di alimento molto grasso o speziato

Patate fritte, patatine e simili

Frutta acerba

Verdure di digestione lunga (es. cavoli, peperoni, porri, cipolle) e funghi

Uova al tegame, crude e maionese

Formaggi grassi e fermentati

Latte intero

Carne e affettati

Salse ed intingoli di qualsiasi tipo

 

DOPO LA PARTITA

Nel dopo partita di solito si tende a dimenticare tutto, gettandosi sul cibo e sulle bevande in modo affrettato.

Festeggiare o semplicemente prendersi una pausa lasciandosi andare è bello e giusto. Però lo si può fare permettendo all’organismo di riprendersi velocemente, riparando quei piccoli guasti meccanici e microtraumi che sono la conseguenza inevitabile di un grande sforzo. Con alcune semplici regole:

– Concedetevi un attimo di riposo prima di… cogliere gli allori. Esercizi respiratori, stretching o altre attività di defaticamento muscolare, sono ottimale per ripristinare l’equilibrio psico-fisico.

– Bevete molto, anche di più di quanto vi richieda la sete. L’ideale è sempre l’acqua; ottimi anche i succhi di frutta. No alla birra: l’alcol, oltre ai suoi effetti dannosi, ritarda notevolmente la digestione del pasto post-gara.

– Il primo pasto, dopo la partita, non ha bisogno di molte proteine. Se dovete recuperare in fretta preferite i carboidrati.

– Mantenete il pasto digeribile. Cercate di seguire sempre le regole di sana alimentazione che vi siete prefissati.

– In pratica: cominciate con un succo, passate poi ad un’abbondante verdura mista cruda, poi concedetevi il vostro primo piatto preferito, nella quantità che desiderate. Come secondo un pezzo di formaggio accompagnato da verdure cotte. Se desiderate un dolce il gelato è ottimo, evitate i dolci complessi.

 

L’importanza dell’acqua

Il nostro organismo riesce a superare lunghi periodi (40 giorni e oltre) senza cibo solido. Se invece manca l’acqua si rischia il collasso e la morte dopo pochi giorni. Per lo sportivo, bere è di importanza anche maggiore in quanto l’acqua è l’elemento insostituibile nel suo metabolismo e buona parte del liquido introdotto viene eliminato durante l’attività fisica.

– Abituarsi a bere: Tendiamo tutti a bere troppo poco. L’acqua ha una enorme importanza e contribuisce a migliorare le risorse energetiche, la resistenza e le prestazioni. Il segreto della massima prestazione (oltre all’allenamento e all’alimentazione) è nella sufficiente quantità d’acqua che mettiamo a disposizione del nostro corpo.

Molti atleti prima di sentire sete sono in grado di sopportare uno sforzo notevole e prolungato. Ma quando si è spinti a bere spesso è troppo tardi, gli effetti disidratanti si sono già fatti sentire. Il meccanismo di difesa messo in funzione dal nostro corpo (la sete) è imperfetto: esso funziona, ma in ritardo. Per questo è importante bere prima, durante e dopo l’attività fisica, anche se non si ha un senso impellente di sete: mantiene alta la prestazione e previene problemi.

– La bevanda dello sportivo: La vera bevanda per lo sportivo è… l’acqua. Il fabbisogno giornaliero varia moltissimo. Si può dire che dovrebbero essere bevuti da 1 a 3 litri d’acqua al giorno, a secondo del tipo di attività svolta.

L’acqua è anche il più rapido e valido combustibile durante la partita. Le bevande integratrici disponibili in commercio sono più utili nel “dopo” che nel “durante”, ad eccezione di quelle di tipo isotonico, molto utili per riequilibrare la perdita di elettroliti, sali minerali e vitamine quando lo sforzo è particolarmente intenso e prolungato.

 

 

ULTIMI CONSIGLI

– Durante le settimane o i mesi di competizione mantenete il proprio peso costante. Gli sbalzi sono deleteri per l’organismo. Se si vuole perdere peso bisogna farlo gradualmente e con una dieta ben bilanciata.

– La notte prima della gara dormite a sufficienza e possibilmente svegliatevi naturalmente. Se giocate la mattina non risvegliatevi poco prima della gara, dato che l’organismo ha bisogno di tempo per rendere al meglio.

– Evitate di affidare la vostra alimentazione a luoghi comuni, proverbi, dicerie, e consigli provenienti da fonti non sicure.

– Per saperne di più affidati a libri e riviste esperti del settore e non alle diete dell’ultima moda.

– La conoscenza, in questo ambito, è fondamentale per instaurare un regime di vita “da sportivo”. Ti stupirai di quanto saranno migliorate le tue qualità, oltre che provare una sensazione costante di benessere.

 

 

DIECI REGOLE D’ORO

1)  Fate pasti abbastanza semplici. Meglio più pasti piccoli che una o due abbuffate al giorno.

La digestione ne resta facilitata e avrete sempre energia pronta per la vostra attività sportiva.

2)  Consumate molti vegetali. Frutta e verdura fresca (meglio cruda), soprattutto all’inizio del pasto.

Vitamine, sali minerali ed oligoelementi: solo frutta e verdura ve li possono dare.

3)  Integrale è meglio. Sostituire i carboidrati raffinati con cereali integrali migliora l’apporto di fibre.

4)  Preferite alimenti coltivati con sistemi biologici e biodinamici. Se è  possibile.

5)  Non eccedete nel consumo di carne. Per non affaticare l’organismo e per non creare squilibri.

6)  Riducete o eliminate le sostanze tossiche. Fra cui il fumo, l’alcol, i nervinici (caffè, tè, ecc).

7)  Bevete molto. Anche e soprattutto lontano dai pasti. La bevanda migliore? Senza dubbio l’acqua.

8) Mangiate con moderazione. Solo se avete fame e senza spingersi oltre al senso di sazietà.

Eccedere  non migliora nè la prestazione nè la qualità della vita.

9)  Masticate accuratamente e molto a lungo. Favorisce la digestione e l’assimilazione.

10) Non mangiate mai in fretta. La velocità compromette e allunga i meccanismi di digestione.

 

 

 

LA DIETA MEDITERRANEA

La dieta mediterranea è l’ideale per lo sportivo. Tutti ne parlano, ma pochi la attuano realmente.

Essa è ricca di cereali, legumi, verdura e frutta fresca. Le proteine e i grassi in quantità moderata. Il rapporto giornaliero di questa dieta è il seguente:               Carboidrati = 60 – 70 %

Proteine  = 10 – 20 %

Grassi   = 10 – 20%

Nella tabella precedente è possibile trovare, indicativamente, le quantità giuste negli alimenti principali.

Qui di seguito invece sono riportati alcuni consigli rivolti sia allo sportivo occasionale che all’atleta di buon livello, fino all’agonista o al campione affermato. Si tratta di suggerimenti intesi a favorire l’acquisizione abituale di una buona, equilibrata e variata alimentazione.

 

 

UTILITA’ PER LO SPORTIVO

 

CEREALI E DERIVATI

* Preferire i prodotti integrali. * Usare i cereali anche per la prima colazione. * Moderare il consumo di crackers, pizza, pasta all’uovo e biscotti. * Gli sportivi possono consumare fino a 3-4 porzioni giornaliere di alimenti diversi di questo gruppo.

 

LEGUMI

* Se consumati con opportuni abbinamenti insieme ai cereali si ottengono buone composizioni proteiche in grado di sostituire le proteine di tipo animale. * Devono essere consumati ben cotti. * Garantiscono un buon apporto di fibre e migliorano le funzioni digestive. * Limitare i legumi secchi e i prodotti industriali a base di soia.

 

CARNE E PESCE

* Preferire carni bianche (tipo pollame) e pesce magro (tipo merluzzo). * Consumare il pesce almeno due volte la settimana, lessato o arrosto (mai fritto). * Limitare gli insaccati, le carni rosse e i pesci di tipo grasso. * Uova solo alla coque o sode.

 

LATTE E DERIVATI

* Preferire latte parzialmente o totalmente scremato. * I formaggi solo freschi e magri (tipo fiordilatte) evitando quelli stagionati o fusi. * Evitare panna e burro. * Consumare i formaggi in sostituzione (non in aggiunta) ad altri cibi proteici.

 

FRUTTA E VERDURA

* Sempre abbondanti razioni di verdure crude di ogni tipo, che devono essere costantemente inserite nella dieta giornaliera. * Consumare spesso anche verdure cotte. * Evitare verdure fritte o ripassate in padella con condimenti. * Frutta fresca a volontà, possibilmente lontano dai pasti. Ottima soluzione come merenda, spuntini e prima colazione.

 

CONDIMENTI

* Preferire quelli vegetali (soprattutto l’olio di oliva extravergine). * Limitarne l’uso al minimo necessario. * Evitare burro, lardo, strutto, margarina e maionese. * Abolire i fritti di qualsiasi tipo.

 

Categorie:Generale

9° ANDATA (19-12-2010)

19 dicembre 2010 Lascia un commento

Come sempre vi ricordo che la CLASSIFICA ufficiale è disponibile nella pagina dedicata:

Classifica

Ma noi siamo sempre avanti e con la collaborazione di altre squadre vi do l’anticipazione delle gare GIA’ disputate di questo turno:

P.C.G. Copreno – ASD Pallavolo Turate 0 – 3
Nuova “E. Terraneo 1974” – Pol. “S. Giuseppe” Como 3 – 1
Pol. Sanrocchese – Doria Pallavolo Portichetto –
U.S.D. Cacciatori d/Alpi – ASD Pallavolo Saronno”B” –
GS Uggiatese Volley ’87 – G.S.O. Lurago 1 – 3
GSO Gaggino – GSO Eupilio 0 – 3

E questa la classifica TEMPORANEA

GSO Eupilio 24 (+)
P.C.G Copreno 22 (+)
Nuova “E. Terraneo 1974” 22 (*) (+)
ASD Pallavolo Turate 18 (+)
Pol. Sanrocchese 12
ASD Pallavolo Saronno”B” 12
G.S.O. Lurago 11 (+)
Doria Pallavolo Portichetto 10 (*)
U.S.D. Cacciatori d/Alpi 9
G.S.O Gaggino 5 (+)
Pol. “S. Giuseppe” Como 4 (+)
GS Uggiatese Volley ’87 3 (+)

* = 1 partita in meno
+ = 1 partita in più

(Fonti: http://volleygaggino.forumfree.it/?t=51669183#lastpost)

Categorie:Risultati

8° ANDATA (12-12-2010)

14 dicembre 2010 Lascia un commento

GSO Gaggino – GS Uggiatese Volley ’87 3 – 2
G.S.O. Lurago – U.S.D. Cacciatori d/Alpi –
ASD Pallavolo Saronno”B” – Pol. Sanrocchese 3 – 1
Doria Pallavolo Portichetto – Nuova “E. Terraneo 1974” –
Pol. “S. Giuseppe” Como – P.C.G. Copreno 1 – 3
GSO Eupilio – ASD Pallavolo Turate 3 – 0

CLASSIFICA:

P.C.G Copreno 22
Nuova “E. Terraneo 1974” 19 (*)
GSO Eupilio 18 (*)
ASD Pallavolo Turate 12 (*)
Pol. Sanrocchese 12
ASD Pallavolo Saronno”B” 12
Doria Pallavolo Portichetto 10 (*)
U.S.D. Cacciatori d/Alpi 9 (*)
G.S.O. Lurago 5 (*)
G.S.O Gaggino 5 (*)
Pol. “S. Giuseppe” Como 4
GS Uggiatese Volley ’87 3 (*)

* = 1 partita in meno

Categorie:Risultati